DECRETO DIGNITA’: NOVITA’

Recentemente è stata pubblicata in G.U. la Legge di conversione del Decreto Dignità.

La Legge di conversione ha confermato le novità fiscali inerenti:

  • l’iper ammortamento in caso di cessione/delocalizzazione dei beni
  • il credito d’imposta R&S per l’acquisto dei beni immateriali da società infragruppo
  • l’accertamento sintetico
  • il differimento del termine di presentazione dello spesometro
  • l’esclusione dell’applicazione dello split payment per i lavoratori autonomi (art.12)
  • l’abrogazione della disciplina delle società sportive dilettantistiche lucrative

IN sede di conversione in Legge, sono state introdotte al testo originario ulteriori disposizioni normative, ossia:

  • l’esonero contributivo per favorire l’occupazione giovanile
  • modifiche alla disciplina delle prestazioni occasionali
  • l’esonero, per i soggetti tenuti  all’emissione della fattura elettronica, dall’obbligo di annotazione nei registri iva
  • l’esonero per i produttori agricoli ex art. 34 comma 6 DPR6 33/72 dall’obbligo di invio dello spesometro
  • il recepimento del D.L. 79/2018 contenente la proroga al 1/1/2019 dell’obbligo della fattura elettronica per le cessioni di carburante presso gli impianti stradali di distribuzione
  • il riconoscimento, anche per il 2018, della possibilità di compensare le somme riferite a cartelle esattoriali con i crediti maturati nei confronti della Pubblica Amministrazione

In breve riassumiamo le più importanti novità:

ESONERO CONTRIBUTIVO PER OCCUPAZIONE GIOVANILE

Con l’art. 1 bis è stata prevista l’estensione anche per gli anni 2019 e 2020 della possibilità di fruire dell’esonero contributivo per l’assunzione di giovani fino a 35 anni di età. Si riconosce, infatti, un esonero contributivo nella misura del 505 dei contributi previdenziali a carico dei datori di lavoro che assumono a tempo indeterminato con contratto a tutele crescenti, lavoratori di età inferiore a 35 anni, che nonso no mai stati occupati a tempo indeterminato con il medesimo o altro datore di lavoro.

ESTENSIONE DELLE PRESTAZIONI OCCASIONALI

In deroga al regime che generale che impone la non fruibilità di prestatori occasionali da parte degli utilizzatori che impiegano più di  5 lavoratori subordinati a tempo indeterminato, per le aziende operanti invece nel settore turistico e ricettivo, il limite viene portato a 8 lavoratori a tempo indeterminato a condizione che le prestazioni siano rese da: pensionati, giovani studenti con meno di 25 anni, disoccupati, percettori di prestazioni integrative del salario. Questi soggetti dovranno autocertificare la loro condizione all’atto della registrazione nella piattaforma informatica.

ESONERO ANNOTAZIONE REGISTRI IVA

E’ previsto che i soggetti obbligati all’invio dello spesometro, di cui al comma 3 del citato art. 1 sono esonerati dall’obbligo di annotazione nei registri IVA delle fatture emesse/acquisti ex art. 23e  25 DPR 633/72

COMPENSAZIONE DELLE SOMME ISCRITTE A RUOLO

E’ prevista la  possibilità di compensare anche per il 2018 le somme riferite a cartelle esattoriali con i  crediti non prescritti, certi, liquidi ed esigibili relativi a somministrazioni, forniture ed appalti, servizi anche professionali maturati nei confronti della PUBBLICA AMMINISTRAZIONE. IN particolare è ammessa la compensazione nel 2018 dei predetti crediti con le somme riferite ai carichi affidati all’AER entro il 31/12/2017

 

Scritto da
Ombretta Magaraci

Dottore Commercialista, Iscritta all’Albo dei Dottori Commercialisti di Milano dal 1995.
Ama ogni aspetto del suo lavoro, predilige il contenzioso, lo sgravio di cartelle, le istanze.